Home I Progetti del Comune Approvato il pubblico interesse per il progetto del nuovo stadio della Roma
Approvato il pubblico interesse per il progetto del nuovo stadio della Roma PDF Stampa E-mail

 

 

 

Da: Gianfranco di Pretoro < Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. >'; document.write( '' ); document.write( addy_text40538 ); document.write( '<\/a>' ); //--> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;
Inviato: venerdì 12 maggio 2023 18:45
A: 'Maurizio Veloccia' < Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. >'; document.write( '
' ); document.write( addy_text55594 ); document.write( '<\/a>' ); //--> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;
Oggetto: R: Approvato il pubblico interesse per il progetto del nuovo stadio della Roma

Carissimo Maurizio

Ammiro il tuo entusiamo,capisco l’interesse economico e mediatico dello STADIO ROMA ma ti prego pensa anche ai giovani ciclisti ed alle loro famiglie,dai un po’ di pace a chi ama lo sport della bicicletta.Non ci vogliono tanti soldi per la realizzazione di 4 CICLODROMI a Roma ma solo un po’ di terreno ai margini della citta’ e tanto entusiasmo nel progettarli.

Ti inoltro una delle ultime richieste da parte della Federazione Ciclistica Italiana Lazio.

Cari saluti      Gianfranco  Di Pretoro

Tel.3280608637  

Da: Maurizio Veloccia < Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. >
Inviato: venerdì 12 maggio 2023 10:46
A: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Oggetto: Approvato il pubblico interesse per il progetto del nuovo stadio della Roma

 

Preg.to   ROBERTO  TAVANI

Delegato del Presidente allo Sport

Regione Lazio

Preg.to FERDINANDO BONESSIO

Presidente della X Commissione Sport,Benessere e Qualita’ della vita

Comune di Roma

Preg.to RICCARDO VIOLA

Presidente del CONI Lazio

Preg,to  MAURIZIO BRILLI

Presidente della Federciclismo Lazio

                                                                                                                                             Lettera  Aperta

Non c’è giorno che mi chiamino per sapere la situazione dei CICLODROMI.Da Roma alle Province del Lazio,da Rieti a Frosinone e Latina,tante Associazioni ciclistiche mi chiedono perche’ tante ritrosie verso gli impianti ciclistici e tanta diffusione per quelli dei soliti sport.Eppure,per l’evoluzione giovanile,andare su due ruote,mi sembra piu’ utile che dare un calcio al pallone o mettere la palla in un cestino.

I ciclisti di Roma e del Lazio,in particolare i nostri giovani delle scuole di ciclismo,in assenza di impianti,rischiano ogni giorno sulle strade di essere investiti dai motorizzati.Non si puo’ piu’ attendere.

Sono certo che solo il Coordinamento della  Regione Lazio,Comune di Roma,CONI Lazio e FCI Lazio,porteranno quei ciclodromi che da tempo aspettiamo.

Di seguito alcune informazioni riguardanti il CICLODROMO.                                                                                                                                                                             

Cos’è il ciclodromo?E’ un impianto  sportivo comprendente un circuito ciclabile asfaltato della lunghezza massima di 3.000 mt.Nasce come percorso alternativo per gli allenamenti e le gare ciclistiche  che solitamente si svolgono nelle strade aperte al traffico.L’impianto,a differenza dei campi di calcio,tennis ecc.,è POLIVALENTE perche’ nella sua area,puo’ accogliere anche altre attivita’ ricreative e sportive come l’anello separato per il podismo,il percorso natura e perche’ no,il giardino giapponese dove dialogare e leggere in silenzio metre i ragazzi girano in sicurezza.

Perche’ la FCI LAZIO chiede quattro Ciclodromi a Roma?Premesso che la Capitale d’Italia non ha alcun impianto per praticare il ciclismo in sicurezza.In particolare,ai giovani,l’abilita’ di andare su due ruote,sara’ utile per tutta la vita.Chiediamo 4 Ciclodromi perche’ la superfice di Roma è talmente grande che un solo impianto  non avvierebbe quel concreto sviluppo della pratica ciclistica nel territorio.L’economicita’ di tali infrastrutture, insieme allo spazio contenuto in due/quattro ettari di terreno incolto,dovrebbero convincere i tecnici per la realizzazione del progetto.

Perche’ il ciclodromo nelle periferie della citta’ ?

-Riqualifica i popolosi quartieri di periferia,favorendo  l’incontro dei suoi abitanti ed in particolare degli appassionati della bicicletta.L’impianto,liberato  da ogni vincolo, si presta ad essere polivalente per soddisfare le varie esigenze salutistiche degli abitanti locali come,ad esempio, i percorsi fitness.

-Costituisce la casa del ciclismo romano,il punto d’incontro per i numerosi cultori di questo straordinario sport,ogni giorno,dopo la scuola,al termine del lavoro , soprattutto se l’anello sara’  illuminato dall’energia solare almeno fino alle 21.    

-Permette di praticare il ciclismo  in completa sicurezza,lontano dai pericoli delle strade trafficate.

-Favorisce l’educazione dei giovani a muoversi in equilibrio sulle due ruote.Questa abilita’  li aiutera’ a districarsi meglio nei traffico veicolare anche nel futuro se useranno altri mezzi.

-Consente di vedere completamente lo spettacolo delle gare ciclistiche.

-Favorisce  la creazione di posti di lavoro nel campo   ciclistico(ciclofficine,noleggio),sportivo(altre specialita’),salutistico(ginnastica,running,massaggi),alimentare ecc.

Quanto terreno ci vuole per impiantare il Ciclodromo?Almeno 2 ettari,meglio 4 per il circuito ottimale di 2.000 mt.

Quanto dev’essere lungo l’anello del ciclodromo?Minimo 500 mt. ma per far gareggiare tutte le categorie FCI è necessario il circuito di 2.000 metri.

Dove collocare i ciclodromi romani?Non ci sono dubbi,vicinissimi alle aree densamente popolate e comunque,ciclodromi e borgate collegati dalla corsia ciclabile.In sostituzione,i terreni Comunali o di Enti pubblici,Roma Natura ecc.prossimi al GRA.Sono pervenute numerose richieste da alcune  Associazioni ciclistiche Tor Vergata,Laurentina,Tor di Valle,Corviale,Nomentana ed Ostia.

 

Quanto costa realizzare quattro ciclodromi  sul  terreno Comunale o donato in comodato?

L’anello in asfalto  con il blocco servizi ed impianto solare costa circa 1.000.000 di Euro,quattro ciclodromi 4.000.000 di euro.Non ci sembrano tanti per quello che potrebbero dare alla comunita’ in qualita’ di impianto POLIVALENTE(attivita’ sociali e ciclistico/sportive),comunque sempre meno di altri ,basta vedere il Palanuoto di Ostia che costo’ 42 milioni dei previsti 14. 

Dove trovare i soldi?Il punto focale è che l’Amministrazione Comunale di Roma riconosca il CICLODROMO  come servizio pubblico,per le famiglie,per i giovani di ogni eta’  e che assegni per tali infrastrutture il terreno in cui costruirlo.La FCI(Federazione Ciclistica Italiana)mettera’ a disposizione la sua esperienza,la commissione impianti,i suoi tecnici per ogni tipo di consulenza per la progettazione e l’omologazione.Quanto ai soldi non c’è che l’imbarazzo della scelta: 

-Contributi europei per lo sport

-Fondi statali a favore dell’impiantistica sportiva

-Intesa Anci e Credito Sportivo

-Regione Lazio

-Fondi privati.In Europa si notano sempre piu’ impianti ciclistici costruiti a nome e per conto delle aziende del settore sportivo e salutistico.In fondo,Roma non è un paesino qualunque.

Chi gestira’ il Ciclodromo?Solitamente,quest’impianto è gestito da una o piu’ associazioni ciclistiche che ne hanno fatto richiesta.L’orario di chiusura dovrebbe protarsi almeno fino alle 21 per favorire chi lavora.  

Caratteristiche del CICLODROMO,impianto protetto in forma chiusa(Commissione Impianti della FCI).

-la Lunghezza dell’anello va’da 500 a 2.000 metri(quest’ultima misura è idonea per tutte le categorie agonistiche)/Larghezza dell’anello mt.4,prima e dopo l’arrivo mt.5/tratto rettilineo dopo la partenza mt.50,prima dell’arrivo 150 mt./Pendenza max 5%/Raggio minimo di curvatura prima e dopo l’arrivo 15 mt/Fascia di rispetto o sicurezza libera da ingombri mt.1,50 in tutto l’anello.

-Alcune infrastrutture necessarie :parcheggio auto e moto per il pubblico,atleti e disabili/servizi igienici/Foresteria per attivita’ ricreative/locali per i giudici/primo soccorso/spogliatoio/Officina e deposito attrezzi/Aula didattica/Locale ristoro.

-Pavimentazione con il piano di fondazione idoneo allo smaltimento delle acque.I materiali piu’ comuni impiegati sono i conglomerati bituminosi o cementizi.

-L’attraversamento del circuito è da evitare.Sarebbero da preferire i sottopassi con altezza di 3 mt.Eccezionalmente,i varchi ,situati solo in rettilineo, devono avere una larghezza di mt.2,40 per il pubblico e 3,50 per il transito degli automezzi autorizzati.

-Impianto solare per l’illuminazione del circuito ed altro.Lungo il percorso,l’illuminazione minima dev’essere di 300 lux,nella zona del fotofinish 2.000 Lux.

Fasi per ottenere l’omologazione agonistica del ciclodromo dalla FCI.Il Proprietario dell’impianto inviera’ alla Commissione Impianti della FCI il Progetto Esecutivo completo degli Elaborati grafici.Questa produrra’ la relazione tecnica/parere sul progetto.Dopo l’inizio lavori,la Commissione Impianti FCI effettua varie visite di controllo in corso di opera.A lavori ultimati,il referente del Ciclodromo, chiede l’omologazione alla FCI.Questa nomina la Commissione apposita per emettere tale certificato.

  1. Di Pretoro

Federazione Ciclistica Italiana Lazio

Responsabile piste ciclabili e sicurezza

Roma,30 3 2022