Home
Eventi


Alberi a protezione del clima, la Pianura padana faccia come l'Australia PDF Stampa E-mail

Alberi a protezione del clima, la Pianura padana faccia come l'Australia

Il primo ministro australiano Scott Morrison, ha annunciato di aver finanziato un piano per piantare oltre un miliardo di nuovi alberi per aiutare a raggiungere gli obiettivi climatici decisi nell’ultima conferenza internazionale sui cambiamenti climatici di Parigi

 
di Renato Reggiani 21 marzo 2019,17:42
foreste cambiamenti climatici
Afp
Foreste, Australia

Gli alberi sono l’unico sistema veramente efficace che abbiamo oggi per diminuire l’inquinamento da gas serra come la CO2 ( anidride carbonica), ci servono più alberi, più superfici verdi, più orti urbani e domestici . Ma piantare alberi non è solo una fantastica scelta altruistica per aiutare i nostri figli e lasciare un mondo ricco di biodiversità, è anche una scelta “egoistica” nel senso che gli alberi producono da subito grandi quantità di ossigeno permettendoci di respirare meglio ed assorbono per ogni tonnellata di nuova massa legnosa che si sviluppa, fino a 1 tonnellate di CO2 rimuovendola dall’aria e la fissano per secoli nel loro tronco. Si considera una resa media di 1,2-1,4 p € er ogni euro investito nel verde, ma a New York o in grandi metropoli come Milano o Roma questo valore può raggiungere anche i 5 € (dati Urban Forest Research).

Le foreste e la loro cura sono una grande occasione di sviluppo economico e di lavoro.  La Pianura Padana e le sue città sono una delle regioni europee con il più alto tasso di mortalità legato all’inquinamento. Sostituire le foreste di capannoni abbandonati che infestano Veneto, Lombardia e Piemonte con nuove e rigogliose foreste di pianura e fondovalle, che un tempo ricoprivano quei luoghi,  sarebbe un’ impresa meravigliosa anche in Italia. In Olanda a Rotterdam nell’elegante quartiere di Kralingen è stato piantato un bosco di centinaia di ettari che dopo 60 anni è diventato anche una grande attrazione turistica.

 

Piantare un miliardo di nuovi alberi tra città e pianura, avrebbe un impatto fantastico sull’inquinamento e sul miglioramento della qualità della vita per le popolazioni che sarebbero coinvolte dal progetto.

 

 

Foreste, Australia (AFP)

 


Attenzione però, nell’infinita biodiversità vegetale occorre selezionare gli alberi più adatti a crescere in città, perché magari perdono poche foglie in inverno riducendo i costi legati alla raccolta delle stesse o più adatti ad assorbire il rumore ed essere piantati lungo le strade. Esistono alberi più adatti al clima dei prossimi anni, più resistenti ai cambiamenti ambientali e di temperatura, e soprattutto nelle città per massimizzare i benefici occorre scegliere l’albero giusto al posto giusto.

 

È stato calcolato dal Worldwatch Institute anche un valore economico dell’albero in città,  nell’arco di 50 anni di vita, un albero può generare € 20.000 in ossigeno, € 22.500 per il riciclo dell’acqua, € 40.000 per la bonifica dell’aria dall’inquinamento, per un guadagno totale di quasi 100.000 € per ogni albero, senza contare tutti gli altri vantaggi non misurabili economicamente.

 

Gli alberi puliscono l’aria che respiriamo dalle micidiali polveri sottili, producono ossigeno, aumentano la biodiversità, ci proteggono dal rumore, riducono i consumi legati al riscaldamento ed al raffreddamento anche del 20%, assorbono fino al 50% dell’acqua in caso di temporali, l’umore di chi abita accanto a viali e giardini è migliore e riducono la depressione. Cosa stiamo aspettando ad iniziare l’unica grande opera veramente essenziale e non rinviabile, un piano straordinario per piantare e curare un miliardo di alberi nelle città e territori urbani italiani, farebbe la differenza e lascerebbe un tesoro prezioso ai nostri figli.

 
TUTTI A SCUOLA A PIEDI O IN BICI. PDF Stampa E-mail
                                                                                                                                Martedì, 19 Marzo

Metti un pomeriggio in sedia a rotelle in città

Le esperienze di tutto il mondo ci dicono che per massimizzare il potenziale della bicicletta in ambito urbano, occorrono strade e spazi pubblici disegnati in modo diverso, con un’attenzione alle persone qualunque sia il mezzo di trasporto usato.

Perché la città deve essere accessibile per tutti oppure per nessuno. E non è una questione di essere ciclisti o automobilisti, ma di essere umani sempre e comunque. Leggi di più.                                                           

 
 
 
 
Bike to work e qualità della vita
 
Chi va in bici al lavoro affronta meglio le difficoltà della vita.
Provare per credere. 
 
 
 
 
“Tutti a scuola a piedi o in bici” con FIAB
 
Il 21 marzo torna la giornata nazionale “Tutti a scuola a piedi o in bicicletta” indetta per il 5° anno di fila da FIAB. 
 
 
 
Corso di Formazione
Meccanica Base 1
23 Marzo, Monza
 
149 €
 
 
Corso di Formazione
Meccanica Base 2
27 Marzo, Monza
 
189 €
 
 
 
 
 
5 buoni motivi per partecipare a Velo-city Dublino
 

Perchè chi si occupa di ciclabilità non può perdere questo appuntamento: clicca qui

 
 
 
 
 
 
La sola prescrizione da parte del medico di base, incrementerebbe davvero l’uso della bici nella popolazione adulta?
 
 
 
 
 
 
AssoBici è un’associazione di settore che fa parte di Confesercenti delle province di Milano, Lodi, Monza e Brianza ed è nata per dare sempre più valore della bicicletta soprattutto in ambito urbano.
 
 
 
 
 
 
 
Stiamo parlando di una pista ciclabile lungo uno dei tratti di costa mediterranea più unici: quello dello stretto di Messina, lato siciliano, a nord della città
 
 
 
 
 
Dal 28 aprile al 1° maggio 2019 sarà possibile partecipare al ciclo-raduno annuale per l’esplorazione della Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese. 
 
 
 
 
 
 in Spagna il recente caso della Gran Vía di Madrid conferma che limitare l’accesso alle auto, dando più spazio alla pedonalità e al trasporto pubblico, fa bene al commercio.
 
 
Milano - Realizzare La Città delle Bici Masterclass in Meccanica Masterclass in Biomeccanica
 
 
 
 
 
 
Il flash mob “Maledetta Rastrelliera” ha accelerato l’iter per realizzare gli stalli per le bici nei pressi dello snodo ferroviario più importante d’Italia, che al momento ne è ancora sprovvisto
 
 
 
 
 
 
FIAB Ciclobby ha annunciato che per la prima volta dopo 32 anni la tradizionale pedalata Bicinfesta di Primavera quest’anno salterà. Perchè?
 
 
Segui bikeitalia.it  su Facebook
 
 
 
 
 
Scorrevoli o artigliati? Da ciclocross o da bici da corsa? Da 28,30,35,40 o ancora più larghi? Tubeless o con camera d’aria?
 
 
 
 
 
 
Tre settimane a disposizione, voglia di pedalare, ma soprattutto voglia di tanto mare in inverno, senza spendere una fortuna: Cuba.
 
 
 
 
 
 
Valencia è una città completamente pianeggiante e quindi facile da girare in bicicletta.
 
Sviluppo Sostenibile, in preparazione degli Stati generali della green economy 2019, PDF Stampa E-mail
 
 
 

Cari Soci e Amici della Fondazione,

 
siamo lieti di invitarvi a partecipare all'XI Meeting di Primavera della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in preparazione degli Stati generali della green economy 2019, che si svolgerà il prossimo 11 aprile a Roma, presso il Radisson Blu Hotel, in Via Filippo turati 171, dalle 14.30 alle 17.30.

In occasione del Meeting verrà presentato e discusso il Rapporto “Rilanciare l’economia e l’occupazione in Italia con politiche e misure per 5 obiettivi strategici della green economy”, che analizza gli effetti economici e occupazionali prodotti in Italia con misure che realizzino 5 obiettivi: ridare slancio allo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili e ridurre in modo consistente i consumi di energia negli edifici, pubblici e privati, per attuare l’Accordo di Parigi sul clima; accelerare il cambiamento verso un modello circolare di economia; migliorare la qualità delle città con un programma di rigenerazione urbana; ridurre l’inquinamento e la congestione del traffico con una mobilità urbana più sostenibile.
Su queste proposte il Meeting sarà l’occasione di un confronto che coinvolge in particolare il mondo sindacale e quello delle imprese.

Di seguito il programma dettagliato dell'evento

Programma | Link


La partecipazione è aperta e gratuita. Per confermare la propria presenza è necessario registrarsi al seguente link:

Form di Registrazione Online | link


In attesa di incontrarvi l'11 aprile, vi inviamo i nostri migliori saluti
 

Logo Susdef
Segreteria Organizzativa

Via Garigliano, 61/a 00198 Roma
Tel. 06 8414815 - Fax 06 8414583
www.fondazionesvilupposostenibile.org

 
Petrini: “I giovani contro l’emergenza climatica? È un nuovo Sessantotto” PDF Stampa E-mail
  newsletter | 13 marzo 2019 | micromega.net

PRIMO PIANO Petrini: “I giovani contro l’emergenza climatica? È un nuovo Sessantotto”
intervista a Carlo Petrini di Giacomo Russo Spena
Il fondatore di Slow Food aderisce allo sciopero per il clima lanciato dai giovani di Fridays for Future: “Non stiamo parlando di un nuovo movimento ecologista: questa è la politica del futuro rispetto al genere umano”. E ritiene che i partiti, tutti, non siano in grado di recepire questo messaggio di cambiamento radicale: “Questi ragazzi reclamano un nuovo paradigma rispetto al modello economico-finanziario incentrato su un tipo di sviluppo che distrugge il pianeta”.
15 marzo, la mappa delle mobilitazioni in Italia | La pagina Facebook di Fridays For Future Italia

Flores d'Arcais: "Il Movimento 5 Stelle non esiste più"
di Gianni Barbacetto
“Ha tradito una dopo l’altra le promesse fatte in campagna elettorale. Difficile che una frittata possa tornare a essere uovo”. In questa conversazione il direttore di MicroMega riflette sull’innocenza perduta del M5s, sui suoi principi, sul suo sviluppo, sulla sua esperienza all’opposizione e ora al governo.

Telese su Montanelli, quando è meglio tacere
di Ingrid Colanicchia
Il contesto, le leggi, i cosiddetti usi e costumi non possono essere un alibi. Sarebbe l’abdicazione totale del libero arbitrio. Una replica a Luca Telese sulla vicenda della sposa dodicenne di Indro Montanelli in Abissinia.

SCIENZA - LA MELA DI NEWTON   

Che cos’è la bellezza? A che cosa serve il senso del bello? È innato? A partire dalle rivoluzionarie riflessioni di Charles Darwin sull’origine del sense of beauty, l’estetica evoluzionistica contemporanea cerca con gli strumenti della moderna biologia evoluzionistica di rispondere a questi interrogativi fondamentali.
 
Nel mondo della ricerca scientifica la quasi totalità dei ricercatori può dire di aver avuto esperienza di (almeno) un rifiuto editoriale. Tra questi ritroviamo anche alcuni premi Nobel e scienziati illustri, oggi divenuti il simbolo leggendario degli effetti collaterali della revisione tra pari. Cosa può dirci l’inventario dei casi di rifiuto più clamorosi sui protagonisti e i processi della ricerca scientifica?
 
FILOSOFIA - IL RASOIO DI OCCAM   
 
Nel suo ultimo libro, “Il socialismo è morto, viva il socialismo! Dalla disfatta della sinistra al momento populista”, Carlo Formenti analizza le caratteristiche dell'odierno “momento populista”, difendendo l'ipotesi di un nuovo sovranismo di sinistra.

ARTICOLI

La sfida di Colau: “Le donne fermeranno la barbarie” di Steven Forti e Giacomo Russo Spena
A poche settimane dalle nuove elezioni, nazionali e municipali, una lunga conversazione con la alcaldessa che traccia il bilancio del suo mandato: “Barcellona sta lottando contro i poteri forti e le speculazioni, tanto è stato fatto ma tanto bisogna ancora fare per questo mi candido nuovamente”. Un occhio anche al vento di destra che soffia in Spagna e in Europa: “Bisogna ripartire dalle città e dal femminismo”. Infine loda Mimmo Lucano e parla dell'internazionale progressista lanciata con Bernie Sanders.
 
La lunga durata del razzismo italiano e l'accelerazione verso il baratro di Annamaria Rivera
Con il governo fascio-stellato ha raggiunto il culmine la dialettica perversa fra razzismo istituzionale e razzismo "popolare". Una produzione legislativa sicuritaria e una strategia propagandistica ben congegnata alimentano il senso comune intollerante e i diffusi sentimenti di ostilità verso gli altri.

http://temi.repubblica.it/micromega-online/starobinski-labbaglio-del-sole-24-ore/">Starobinski, gli abbagli del Sole 24 Ore di Nunzio La Fauci
Sigmund Freud e Leo Spitzer “tedeschi”? Ispiratori “romantici” di Jean Starobinski? Per la morte dello studioso ginevrino il Domenicale del quotidiano di Confindustria ha pubblicato un articolo commemorativo con grossolane imprecisioni.

http://temi.repubblica.it/micromega-online/la-filosofia-rivoluzionaria-di-giordano-bruno/">

http://temi.repubblica.it/micromega-online/la-filosofia-rivoluzionaria-di-giordano-bruno/">La filosofia rivoluzionaria di Giordano Bruno di Maria Mantello
Pubblicato dalla casa editrice Sedizioni un saggio inedito di Antonello Gerbi sul filosofo. Un’opera brillante e coinvolgente, frutto del dialogo continuo dell’autore con il pensiero di Giordano Bruno, che Gerbi attraversa con la leggerezza di chi ne penetra i significati, ricostruendo il percorso della filosofia della praxis bruniana, che chiama alla liberazione da ogni soggezione.

http://temi.repubblica.it/micromega-online/regno-unito-le-comunita-religiose-contro-leducazione-sessuale/">

http://temi.repubblica.it/micromega-online/regno-unito-le-comunita-religiose-contro-leducazione-sessuale/">Regno Unito, le comunità religiose contro l'educazione sessuale di Matteo Gemolo
Le lobby religiose contestano le nuove linee guida del programma scolastico di educazione “relazionale”, sessuale e sanitaria voluto dal governo conservatore di Theresa May per debellare bullismo ed intolleranza nelle scuole pubbliche inglesi. A sostegno delle visioni bigotte ed oscurantiste delle comunità religiose anche esponenti del partito laburista.

http://temi.repubblica.it/micromega-online/il-senso-della-legalita-ed-il-ruolo-del-giudice/">Il senso della legalità ed il ruolo del giudice di Domenico Gallo
In tempi di legislazione persecutoria nei confronti dei migranti occorre ribadire che c’è una sola legalità, quella che ci è stata consegnata dalla Resistenza, nella quale la “pietas” e l’“auctoritas” non possono essere separate. Questa è la stella polare che deve orientare l’esercizio del potere giudiziario da parte di ogni singolo magistrato.

http://temi.repubblica.it/micromega-online/arte-e-intelligenza-artificiale/">Arte e intelligenza artificialedi Mariasole Garacci
Al MAXXI di Roma una mostra curata dal direttore del museo Bartolomeo Pietromarchi solleva una riflessione sulla simbiosi creativa tra uomo e macchina, in un viaggio attraverso le visioni di un nuovo inconscio tecnologico.

 
SERVONO AZIONI NON PAROLE. FIRMATE LA PETIZIONE. PDF Stampa E-mail

 

 

 

ogni
venerdì, da alcuni mesi, la studentessa svedese
Greta
Thunberg

sciopera contro l’inerzia dei governi di fronte al cambiamento climatico.
All’inizio era da sola.

Oggi
ci sono migliaia di persone in tutto il mondo che ogni venerdì fanno la
stessa cosa e chiedono a gran voce azioni concrete contro il cambiamento
climatico.

E
noi siamo con loro!
I
politici, anche nel nostro Paese, hanno cominciato a fare a gara per lodare
Greta e questa iniziativa… ma il dubbio è che questo sia solo
un
modo furbo per cavalcare l’onda. Cosa stanno facendo infatti i nostri politici
per risolvere il problema del cambiamento climatico?
La
strategia climatica di questo Governo, che si definisce “Del Cambiamento” è
identica a quella dei precedenti Governi, ovvero fondata su gas
e scarsi investimenti sull’energia
rinnovabile
.
Maurizio, FACCIAMO SENTIRE ANCHE LA NOSTRA VOCE

 


SUL CLIMA SERVONO AZIONI, NON
PROMESSE

Chiedi
al Governo Italiano azioni rapide per evitare altri disastri climatici

 
FIRMA LA PETIZIONE

Nell ultime ore, un gruppo di
nostri
attivisti
è entrato in
azione in Val Visdende
,
una zona devastata lo scorso autunno da una tempesta che ha provocato vittime e
sradicato milioni di alberi. Abbiamo voluto mandare a questo
Governo un messaggio forte e chiaro: le politiche energetiche del nostro
Paese non sono abbastanza efficaci per evitare altri disastri
climatici.

 

Eventi
atmosferici estremi, come siccità, bombe d’acqua e ondate di
calore, sono sempre più frequenti anche in Italia. Siamo
arrivati a questo punto perché i Governi hanno ignorato per troppo tempo gli
allarmi degli scienziati, e le aziende hanno continuato per
decenni a bruciare gas, petrolio e carbone, inquinando il Pianeta e non
curandosi delle conseguenze sul clima.

 

Ma
qualcosa sta cambiando: finalmente dal basso è nata una mobilitazione che sta
sfidando la politica mettendola di fronte alle proprie responsabilità.

Noi sosteniamo questa mobilitazione e chiediamo ai Governi di assumersi le
proprie responsabilità per impedire altri disastri climatici, cominciando con il
taglio
drastico delle emissioni di CO2 e un incremento degli investimenti nelle energie
rinnovabili.

 

Maurizio, è il momento di prendere posizione.

Questa firma è per il futuro del Pianeta: AGGIUNGI IL TUO NOME 

 

Grazie
per il tuo impegno


Luca Iacoboni
Campagna Energia e Clima

P.S Il
15 marzo in Italia e in tutto il mondo ci saranno scioperi per il
clima
. Anche noi aderiamo e invitiamo tutti e tutte a partecipare! Guarda la mappa degli eventi.

 

RAGAZZI:LA RIVOLUZIONE PACIFICA HA BISOGNO DEL VOSTRO ESEMPIO QUOTIDIANO!

Cari ragazzi

Sono orgoglioso di voi,del vostro sostegno agli ideali delle persone perbene !Oggi mi siete veramente piaciuti,tutti solidali verso il risanamento della Terra con la musica ad incorniciare un momento storico.Finalmente siete protagonisti,molto di piu’ dei ventenni di qualche tempo fa’, ubriacati di politica senza contenuti.Pensate,mi sputavano perche’ andavo in bicicletta mentre loro inquinavano la citta’ con il motorino a due tempi.Mi prendevano in giro quando parlavo del mio giardino ricco di centinaia d’alberi e facevo lo sport agonistico.Ora che ho 75 anni vi sento finalmente vicini,tanto vicini ed alla mia eta’ è quello che in fondo serve.Comunque,tranquilli,continuo ad andare in bicicletta ed a curare il giardino!

Ora che in milioni vi siete fatti sentire  in tante citta’,è giunto il momento che ognuno di voi diventi CREDIBILE  in quello che afferma,ogni giorno,attraverso l’ESEMPIO concreto,nella societa’,in famiglia,nella scuola.

Fate e convincete i meno attivi,sostenete le scelte necessarie a lasciare il Pianeta Terra meglio di come l’avete trovato.

In fondo ,cominciare non è poi tanto difficile:muovetevi con i mezzi pubblici elettrici rifiutando i diesel,camminate a piedi,pedalate in bicicletta,criticate i coetani violenti e chiassosi(vedi certe minicar),consumate meno riciclando quello scartato con troppa facilita’,usate la carta al posto della plastica,tenete pulita la vostra zona,cicchettate i genitori poco sensibili all’ambiente  e,vi raccomando,………..piantate tanti alberi,loro sono  gli amici piu’ sinceri.

Grazie ancora,vi sono tanto vicino.

  1. Di Pretoro

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 229