Home Blog categoria
Esempio di aspetto di una categoria blog (Categoria FAQ/Generale)
TEST DI 7 DOMANDE DA SLOW FOOD. PDF Stampa E-mail
Scritto da Santoni Maurizio   
Mercoledì 30 Ottobre 2019 17:11
 
 
 

Ebbene sì, con le nostre scelte possiamo (e dobbiamo) contenere il riscaldamento globale.

 

L'industria della carne è la maggiore responsabile delle emissioni di CO2: gli ultimi studi* dimostrano che solo riducendo il consumo di carne possiamo evitare il distruttivo aumento della temperatura.

 

Alla fine troverai alcuni semplici consigli su come alleggerire il tuo impatto sull'ambiente e sul clima. E se invece sei già bravissimo, aiutaci a diffondere questo messaggio!

 
 
  • Evita la carne proveniente dai grandi allevamenti industriali
  • Scegli allevamenti sostenibili
  • Riduci il consumo
  • Informati

Acquisti informati e scelte ragionate da parte di ognuno avranno ricadute positive su tutti

 
 

Meat the Change è una campagna di Slow Food finanziata dal Ministero italiano dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

 

*Per approfondimenti è possibile cliccare qui 

       

SLOW FOOD ITALIA
Associazione di Promozione Sociale
Via della Mendicità Istruita 14 - 12042 Bra (CN)
Associazione Riconosciuta Reg. Pref. 291 – Registro Nazionale delle Aps nr. 194
Telefono 0172 419611, Telefax 0172 421293
e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  – internet site:www.slowfood.it

 
I CAMBIAMENTI CLIMATICI STANNO CAMBIANDO IL PIANETA? ALLORA TU CAMBIA IL CAMBIAMENTO. PDF Stampa E-mail
Scritto da Santoni Maurizio   
Venerdì 25 Ottobre 2019 17:23
 
 
 
 
 
 

 

I cambiamenti climatici stanno cambiando il pianeta?

Allora tu cambia il cambiamento.

Legambiente ha creato ChangeClimateChange, una piattaforma che vuole coinvolgere tutti quelli interessati a invertire gli effetti del cambiamento climatico mettendo in campo iniziative e operazioni concrete.

Perché siamo tutti protagonisti: ora tocca a noi.

Cambia anche tu il cambiamento climatico, fai sentire la tua voce.

 
 
Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Ottobre 2019 17:26
 
FESTA DELL'ALBERO A GARBATELLA. CON LEGAMBIENTE. PDF Stampa E-mail
Scritto da Santoni Maurizio   
Venerdì 25 Ottobre 2019 17:17
occorre prepararsi per tempo, anche per approvvigionare le piante.
provo a riassumere:
il 21 novembre alla scuola dell'infanzia di via dell'Orsa Maggiore, vorrebbero piantare due alberi. Enrico dovrebbe passarci per vedere quali piante consigliare e dove piantarle. Vorrebbero qualcuno di noi per presenziare. ho detto che le buche se le scavano loro.
il 22 c'è un'altra scuola, di cui mi ha parlato anna maria (?) che vorrebbe fare la festa
il 24 c'è la nostra festa, con il mercatino del riuso, arrivato ormai alla 4 edizione.
 
alberi:
l'estate molto calda ha fatto morire un po' di alberi, meno di quelli che temevo, ma comunque occorre rimpiazzarli. Certamente sono da rimpiazzare:
* 1 sughera alta 3 m, piantata l'anno scorso da un socio in memoria del padre, e che è morta. Dato che aveva contribuito generosamente, ho detto che l'avremmo reintegrata noi
* almeno 3 paulonie, da prendere non così alte, max 2 m, da rimettere sulla duna. I peri messi lì hanno invece resistito tutti
* almeno 2 tigli alti 2,5 - 3 m, per sostituire quelli spezzati alla base dai soliti ignoti
* i 2 meli non hanno resistito, e andrebbero sostituiti con altre piante più adeguate
* almeno 5 roverelle e 5 frassini ornello, per sostituire quelli dei centenari (queste piante penserei di chiederle al comune, eventualmente attraverso legambiente regionale)
* occorre ripristinare le perdite nella siepe. gli allori messi a dimora lo scorso novembre sono morti in gran parte, perché i tubi dell'impianto di innaffiamento a goccia sono stati morsi e bucati in più punti dai cani. Non essendomene accorto, molte piante non hanno ricevuto acqua proprio nei giorni caldi. Alla fine ho dovuto riparare più di 10 rotture!!
 
Il regionale ha in sede un certo numero di alberi che ci darebbe ma che occorre andare a prendere.
 
Come mia fissazione, vorrei estendere l'esperimento del bosco intensivo, che è andato molto bene (sono sopravvissuti circa il 90% degli alberi, e sono cresciuti molto, proporzionalmente di più degli alberi piantati singolarmente). In questo caso, pianteremmo come due anni fa piantine piccole, che si trovano facilmente a poco prezzo. La cortina verso la Colombo sarebbe ulteriormente migliorata, ma soprattutto contribuiremmo anche noi al movimento che vuole aumentare la copertura arborea, in tempi di cambiamenti climatici
Se siamo d'accordo sul 24 novembre occorre quindi cominciare a mettere un avviso sul sito
tommaso
 
Circolo Garbatella di Legambiente
Via Rosa Raimondi Garibaldi, 30
00145 Roma
 
PULIAMO IL MONDO 2019 SI TERRA' SABATO 12 OTTOBRE DALLE ORE 10,00 PDF Stampa E-mail
Scritto da Santoni Maurizio   
Venerdì 11 Ottobre 2019 16:40

Abbiamo dovuto rinviare ad altra data Puliamo il mondo 2019 al Parco Garbatella e vie limitrofe perché domenica 22 settembre pioveva a dirotto.  

UN APPUNTAMENTO STORICO CHE NON POSSIAMO FAR SALTARE

 

PULIAMO IL MONDO 2019 SI TERRA'

SABATO 12 OTTOBRE DALLE ORE 10,00

insieme ai giovani del Gruppo ’Parliamone ora’,

partendo dal Parco Garbatella, puliremo anche le strade limitrofe: Via R. Raimondi Garibaldi, Via R. Guarnieri Carducci, Via Guendalina Borghese, Piazza Caterina Sforza, Via Anna Maria Taigi.

 

La responsabilità della sporcizia non è sempre degli altri.

la nostra azione deve essere di stimolo ai governanti, ma anche ai cittadini devono migliorare i propri comportamenti.

Legambiente Garbatella, vi invita a partecipare, a pulire ed a mantenere pulita la vostra strada.

 
 
Circolo Garbatella di Legambiente
Via Rosa Raimondi Garibaldi, 30
00145 Roma
 
10 proposte degli amici di Legambiente Onlus sul tema della mobilità sostenibile. PDF Stampa E-mail
Scritto da Santoni Maurizio   
Mercoledì 25 Settembre 2019 08:05
 

Ho letto con calma le 10 proposte degli amici di Legambiente Onlus sul tema della mobilità sostenibile.
Li ringrazio per lo sforzo di dare un quadro esaustivo sulle misure da adottare e per la competenza ma mi permetto alcune puntualizzazioni in linea con quanto uscito nella tavola rotonda organizzata dal Ministero dell'Ambiente.
- Credo sia molto importante stressare molto di più la rottamazione senza nuovo acquisto di auto private, fossero anche quelle elettriche. Ottimo invece riversare gli incentivi su abbonamenti, sharing, ecc.
- Capisco la necessità di ragionare sulla fase di transizione ma credo che tutto il ragionamento sugli incentivi avrebbe bisogno di qualche riflessione in più. Ad esempio sul costo dell'energia necessaria per la ricarica dei mezzi elettrici bisogna tener conto che quella proveniente dalla rete ancora oggi è di tipo convenzionale e non da fonti rinnovabili: agevolerei molto di più l'utilizzo di quest'ultima anche con installazione di pannelli in città in aree pubbliche.
- Condizionerei ancora di più il trasferimento di risorse ai comuni costringendoli a finanziare, in primis, le zone car free e politiche di incentivazione del trasporto pubblico ecologico anche in ambito scolastico. Le scuole dovrebbero essere tutte aree car free in entrata e in uscita ( mezz'ora prima e mezz'ora dopo)
Insomma la filosofia è quella di favorire una transizione più veloce possibile dal dominio dell'auto privata alla condivisione e al TPL, soprattutto su rotaia. Allargamento delle zone dedicate allo spazio pubblico pedonale e ciclabile.
Abbiamo bisogno, purtroppo, di una transizione molto più veloce e allora dobbiamo agire con maggiore incisività.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 8 di 241