Home
Eventi


Pedalando nella Memoria 65° Anniversario Domenica 24 gennaio PDF Stampa E-mail

 

 
Invitiamo a Pedalare Tutti Domenica 24 gennaio nell'Anniversario 65° della scoperta di Auswitz; partecipiamo con le nostre biciclette, PER NON DIMENTICARE, la Bicicletta è da sempre il mezzo di Liberazione, la usavano i Partigiani, è il mezzo del Futuro.
 
Maurizio Santoni
Portavoce del Coordinamento Roma Ciclabile

Comune di Roma

XI Municipio - IX Municipio

I Municipio

in collaborazione con

 

I.I.S. Leopoldo Pirelli

e

A.N.E.D.— sezione Roma

Ore 9.00: Raduno dei partecipanti nel cortile del IX Municipio a Villa Lazzaroni.

Ore 09.10: Saluto ai partecipanti da parte di Susi Fantino, Presidente del IX Municipio e di Flavia De Vincenzi, Dirigente Scolastico dell’I.I.S. Leopoldo Pirelli.

Ore 9.20: Raduno di varie associazioni ciclistiche alla Metro B: Circo Massimo,

per raggiungere le Fosse Ardeatine

Ore 09.30: Inizio della manifestazione.

Ore 10.00: Mausoleo delle Fosse Ardeatine. Raduno dei partecipanti dell’XI Municipio

Intervengono rappresentanti delle associazioni di reduci e  Carla Di Veroli, nipote di Settimia Spizzichino e Assessore alla Cultura, e Andrea Catarci, Presidente dell’XI Municipio

Ore 10.40: Via Licia 56, Casa di Gioacchino Gismundo. Ricordo del professore del Liceo Cavour, morto alle Fosse Ardeatine

Ore 11.10: Museo della Liberazione - Via Tasso

Giuseppe Mogavero, attuale Direttore del Museo, illustre le sue caratteristiche ed i suoi ambienti e ricorda Elvira Sabbatini Paladini, a lungo direttrice del museo storico della Liberazione di via Tasso.

Visita da parte dei partecipanti del Museo, guidati dai docenti e dagli studenti dell’I.I.S. Leopoldo Pirelli.

Ore 12.40: Piazza 16 Ottobre 1943 – Portico d’Ottavia.

Saluto ai partecipanti da parte di rappresentanti del Comune di Roma, della Provincia di Roma e della Comunità Ebraica. Interventi da parte delle Associazioni Ciclistiche e del Coordinamento Roma Ciclabile.

Piazzetta del IX Municipio 

Via Fortifiocca - Villa Lazzaroni 

Via Latina

Via Appia Nuova

Via dell’Almone

Via Appia Pignatelli 

Via Appia Antica - Vicolo delle Sette Chiese

Largo Martiri delle

Fosse Ardeatine 

Via Ardeatina

Porta di S.Sebastiano

Viale delle Mura Latine

Via Licia 56  

Casa di Gioacchino Gesmundo 

Viale Metronio

Piazzale Metronio

Via della Ferratella

Via dei Laterani

Piazza di S. Giovanni in Laterano

Via Merulana

Via Aleardo Aleardi

Via Francesco Berni 

Via Tasso 

Museo della Liberazione di Roma 

Ricordo di Elvira Sabbatini Paladini 

Viale Manzoni

Via Labicana

Piazza del Colosseo

Via Celio Vibenna

Via di S. Gregorio - Via dei Cerchi

Via dell’Ara Massima di Ercole

Via della Greca

Lungotevere Aventino

Piazza di Monte Savello 

Piazza 16 Ottobre 1943 

 
Martedì 8 dicembre ore 10 Piazza del Popolo "In Bici per il Clima" PDF Stampa E-mail

COPENAGHEN CHIAMA ROMA

Roma, da Piazza del Popolo al Colosseo – Martedì 8 Dicembre dalle ore 10.15 alle 12

Blitz degli attivisti di Legambiente: con lo striscione “Fermiamo la febbre del Pianeta”, i volontari di Legambiente attraverseranno in bicicletta alcuni dei luoghi-simbolo di Roma, mentre in Danimarca il Vertice Onu sui cambiamenti climatici sarà alle battute iniziali. Partendo da Piazza del Popolo, si arriverà al Colosseo passando per Via Cola di Rienzo, Piazza Navona, Largo Argentina e Via dei Fori Imperiali. Gli ambientalisti manifesteranno per ricordare ai leader mondiali riuniti a Copenaghen che è questo, o mai più, il tempo di ridurre i gas serra ed agire contro i cambiamenti climatici.

A questo proposito Legambiente presenterà un dossier con gli ultimi dati relativi alle emissioni di anidride carbonica a Roma e nel Lazio, accompagnato da un pacchetto di proposte, contro l’inquinamento atmosferico nella Capitale.

Ciao Maurizio,
 
l'8 dicembre mentre i Governi di 190 paesi si riuniscono a Copenaghen per siglare un acccordo globale sul clima, Legambiente Lazio organizza "In Bici per il Clima".
Ci vedremo a Piazza del Popolo alle 10:00 E ci direzioneremo per: via Cola di Rienzo, Piazza Cavour, Piazza Navona, Piazza Venezia, Via dei Fori Imperiali con termine al Colosseo per le 12:00.
Se voleste partecipare con noi all'iniziativa, saremmo di più a pedalare per la città.
In caso partecipaste potete farmelo sapere o per e-mail a questo indirizzo o chiamami pure al 3393063564.

A Presto
   

Roberto Scacchi
Legambiente Lazio
Viale Regina Margherita, 157 00198 Roma
Tel. 06/85358051-77 Fax 06/85355495
Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Sito www.legambientelazio.it
CCP 19856004

 
Parco Nazionale del Circeo domenica 6 dicembre con Tevereinbici PDF Stampa E-mail


Uscita Parco Nazionale del Circeo - domenica 6 dicembre.

Se avete una base d'allenamento, preparate le vostre MTB per domenica
6 dicembre.
Noi di Tevere in Bici  vogliamo portarvi lungo un percorso unico per
la sua bellezza.
Il nostro territorio ci regala natura, paesaggi unici e belvedere
spettacolari.
Passeremo in pochi chilometri dalla selva del bosco di Sabaudia, ai
laghi costieri, al mare di Torre Paola (San Felice Circeo), alla Croce
del promontorio che domina dall'alto tutto l'Agro Pontino, per poi
tornare alla sede di Cerasella, intorno alle ore 12/12;30.

evento libero
percorso ad anello
appuntamento:ore 08:40
luogo partenza: Cerasella - sede operativa forestale, (all'interno del
Parco Nazionale di Sabaudia)
difficolta': media
bici richiesta: mountain bike - casco consigliato
lunghezza percorso: circa 40/50 km (stiamo ancora valutando tutto il
percorso)
pendenze: tutto pianura salvo il promontorio di San Felice -
difficolta' media/impegnativa - 4km circa
meteo: sole
temperatura: dai 10 gradi al mattino, ai 15 gradi di mezzogiorno.

Divulgate a vostri amici
ci vediamo alle 08:40 a Cerasella
Ciao da TiB

visita il sito www.tevereinbici.com

 
Mettiamoci in Marcia per il Clima Sabato 12 dicembre in Bici a Piazza Farnese. PDF Stampa E-mail

 

coalizione in marcia per

 

il clima

 

ROMA, PIAZZA

 

FARNESE

dalle ore 10,30 alle ore

 

 22,00

mettiti in marcia anche

 tu

 

PIAZZA

 

FARNESE

Il clima sta cambiando, qui e ora. Aumentano i temporali violenti, le frane, le alluvioni, le ondate di calore, la diffusione di malattie cui non eravamo abituati, lo scioglimento dei ghiacciai che alza il livello dei mari, la desertificazione di zone sempre più vaste della Terra.

La febbre che abbiamo fatto venire alla nostra Terra va fermata. È possibile farlo se si riducono le emissioni inquinanti che ogni giorno mandiamo in atmosfera.

È tempo di agire. Tutti possiamo fare qualcosa, rivedendo i nostri stili di vita. I governi, che rappresentano l’interesse di tutti noi cittadini, devono agire. L’occasione per farlo è ORA: a dicembre, a Copenaghen, nel summit delle Nazioni Unite dove i capi di stato di tutti i Paesi del mondo si riuniranno per cercare un accordo su come arrestare i cambiamenti climatici.

ANCHE IO MI METTO IN MARCIA PER IL CLIMA

E CHIEDO AL GOVERNO ITALIANO DI

•

 

farsi promotore di un’iniziativa politica forte a Copenaghen che porti a un accordo mondiale equo, solidale e vincolante per la riduzione dei gas serra: le emissioni devono diminuire a livello globale almeno dell’80% entro il 2050, affinché il riscaldamento del pianeta rimanga al di sotto dei 2°C

•

 

adoperarsi per ridurre nel nostro Paese le emissioni di gas che danneggiano il clima della terra: le emissioni dei paesi sviluppati dovrebbero essere ridotte del 40% entro il 2020

•

 

eliminare lo spreco di energia che serve per illuminare, riscaldare e rinfrescare le nostre case; migliorare l’efficienza energetica di industrie e trasporti; valorizzare il contributo dell’agricoltura

•

 

far posto alle fonti energetiche rinnovabili, sicure e non inquinanti, che rappresentano anche un’occasione di sviluppo per il nostro sistema produttivo e di lavoro dignitoso per molti dei nostri giovani

•

 

adoperarsi per introdurre l’obiettivo di fermare la deforestazione e le emissioni associate a livello globale entro il 2020 e nelle aree critiche entro il 2015

12 DICEMBRE

dalle ore 10,30 alle ore 22,00

MOSTRE, GIOCOLIERI,

PRODOTTI TIPICI E FRESCHI,

STAND INFORMATIVI, LUDOBUS,

MUSICA, DANZA

E TANTO ALTRO ANCORA

DALLE ORE 10,30 ALLE 13,00

E DALLE ORE 15,00 ALLE ORE17,00

•

 

Si gioca con il Ludobus SoleEvento

•

 

Si potrà lasciare la propria impronta sul percorso In marcia per il clima

•

 

Sarà in funzione la Ciclofficina

TERRA MADRE DAY ROMA:

cibo buono, pulito e giusto, a cura di Slow Food Saranno presenti le comunità contadine del Lazio

Alle ore 16,00: Laboratorio della ricotta

DALLE ORE 17,30 E FINO ALLE 22,00

•

 

Sul palco centrale si alterneranno: gruppi musicali, danze, testimonial del mondo della cultura, dello sport, dello spettacolo. Tra gli altri, gli scrittori: Masal pas Bagdadi, Francesco Costa, Rosella Pastorino.

IN BICI PER IL CLIMA

ORE 10,00

Partenza da Città dell’Utopia

Via Valeriano, 3 f (zona Basilica San Paolo)

ORE 10,30

prima tappa

davanti la Fao (metro B, Circo Massimo)

ORE 11,00

seconda tappa

Palo 27 - Via dei Fori Imperiali

ORE 11,30

Arrivo a Piazza Farnese

FIRMA ANCHE TU!

www.100piazze.it

- emissioni di CO

2

+ efficienza energetica + energie rinnovabili

PROMOSSO DALLA COALIZIONE IN MARCIA PER IL CLIMA:

 

Legambiente, Acli, Acli Ambiente–Anni Verdi, Adoc, AIAB, Altreconomia, Ambiente e Lavoro,

Amici della Terra, ARCI, Arci caccia/CSAA, Arci Servizio Civile, Arciragazzi, Associazione Ong Italiane, Auser, Banca popolare Etica, CGIL, CIA, CISL, Cittadinanzattiva, Civitas, Coldiretti, Ctm Altromercato, CTS, Ecologia e Lavoro, Fa’ la cosa giusta!, FAI, Fairtrade Italia, Fair, Fare Verde,

Federazione nazionale Pro Natura, Federconsumatori, Federparchi, FIAB onlus, FOCSIV, Forum Ambientalista, Forum Nazionale Terzo Settore, Greenpeace Italia, LAV, Lega Consumatori, Lega Pesca, Libera, Lipu, MDC, Medici per l’ambiente, Movimento Consumatori, Sbilanciamoci, Slow Food Italia,

Tavola della Pace, Terra Futura, Terra! onlus, Terra quotidiano ecologista, Terre di Mezzo, UIL, UISP, Unione degli studenti, VAS, WWF.

Per informazioni e adesioni: www.100piazze.it

5 eco-crimini che compiamo ogni giorno

Posted: 03 Dec 2009 03:59 AM PST

spreco di cibo

Tutti stiamo aspettando che da Copenaghen esca una risoluzione che possa evitare che questo nostro Pianeta si riscaldi troppo. Ma a dirla tutta, la risoluzione ce l’abbiamo sempre avuta sotto gli occhi e non ce ne siamo mai accorti. Ognuno di noi nel mondo compie almeno 5 eco-crimini ogni giorno o quasi.

Provate a chiedervi: quanto vivo ecologicamente io? Si potrebbe pensare che si sta facendo qualcosa per l’ambiente, evitando di bere l’acqua in bottiglia, acquistando prodotti locali ed riutilizzando le buste di plastica, ma è probabile che tutti abbiamo alcune abitudini che sono molto più dannose per l’ambiente di quanto non ci ci si renda conto. Quali sono le vedrete dopo il salto. 

1 Prendere il caffè. La tazza media di caffè è responsabile di 125 grammi di emissioni di CO2. Di queste, due terzi provengono dalla produzione e la maggior parte del resto della fabbricazione del prodotto. Optando per il più prosaico caffè solubile, si riduce tale cifra a circa 80 grammi. Aggiungere il latte, con il metano prodotto dalle vacche, significa aumentare di un terzo l’inquinamento del tuo caffè. Prendere un caffè al giorno equivale in un anno, in termini di emissioni, a prendere un volo Londra-Roma.

2 Uso della carta igienica. E’ una cosa di cui non se ne può fare a meno, e per questo esiste oggi la carta riciclata, che evita la maggior parte del consumo energetico e le emissioni associate con la raccolta e la lavorazione del legno nuovo. Ogni chilogrammo di carta riciclata fa risparmiare circa 30 litri d’acqua e tra 3 e 4 kilowattora di elettricità. Ogni kilowattora di energia elettrica è responsabile di circa 500 grammi di CO2, il che significa un risparmio di 1,5-2 tonnellate di CO2 per tonnellata di tessuto. Nonostante sia sempre più diffusa, in Europa ed in America Latina un rotolo acquistato ogni 5 è di carta riciclata e negli Stati Uniti ancora meno, circa uno ogni 50. Senza contare che non tutti sono riciclati al 100%, e dunque la produzione di CO2 cambia a seconda del prodotto.

3 Essere alla moda. Nel 1990, la produzione tessile a livello mondiale era pari a 40 milioni di tonnellate. Entro il 2005 questa cifra era salita a circa 60 milioni di tonnellate. Questo aumento nella produzione e del consumo è stata aiutata dalla rapida evoluzione delle tendenze della moda. Di conseguenza, gran parte dei vestiti che compriamo finisce per essere scartato molto prima che sia esaurito. Nel Regno Unito, dove il capo d’abbigliamento medio è indossato per meno di un terzo della sua vita utile, più di un milione di tonnellate di vestiti sono buttati via ogni anno. La maggior parte di esso finisce sepolto nelle discariche o negli inceneritori. Attualmente, nel Regno Unito e negli Stati Uniti, solo un quarto circa dei tessuti indesiderati sono riutilizzati o riciclati. Il riciclo tessile ha molti usi, dai ripieni dei materassi alla tappezzeria, dalle borse alle scarpe. L’energia necessaria per raccogliere, elaborare e vendere un capo riutilizzato spreca solo il 2% del fabbisogno energetico per la fabbricazione di un abito nuovo. Ogni chilogrammo di cotone vergine che non viene utilizzato perché sostituito da uno riciclato consente di risparmiare 65 kilowattora di energia, pari a circa 32,5 kg di CO2. Per il poliestere, l’aumento del risparmio sale a 90 kilowattora per chilogrammo.

4 Lavanderia. La moda ha creato le montagne tessili in molte case, ma il costo ambientale di questo  consumo eccessivo ha un gemello anche meno evidente: l’energia utilizzata per ripulire tutto. La pulizia è importante, ma delle volte è esagerata. Secondo alcune stime, solo circa il 7,5% del carico medio in lavanderia nel Regno Unito è effettuato per panni molto sporchi. Gran parte del resto è costituito da oggetti che vengono infilati in lavatrice semplicemente perché sono sul pavimento invece che nel guardaroba. Vien da sè che c’è uno spreco esagerato in termini di acqua, detergenti ed energia. Uno studio ha rilevato che oltre l’80% delle emissioni di CO2 prodotte durante il ciclo di vita di una camicia di poliestere è prodotta dal lavaggio e dall’asciugatura. La percentuale può essere addirittura superiore per gli oggetti di cotone, in quanto tendono a richiedere molta più energia per asciugarli. A pieno carico una lavatrice usa circa 1,2 kilowattora di elettricità per ciclo e l’asciugatrice un ulteriore 3,5 kilowattora, causando oltre 2 kg di emissioni di CO2 per ogni lavaggio. Con quattro o cinque carichi per famiglia a settimana, le emissioni annue totali di ogni casa possono facilmente superare la mezza tonnellata. Stendere i vestiti al vento, il lavaggio a temperature più basse ed il carico pieno piuttosto che parziale saranno tutti elementi che contribuiscono a ridurre le emissioni del lavaggio. Ma che ne pensate del lavaggio a mano?

5 Sprechi alimentari. Di tutte le sfaccettature di un consumo eccessivo che affliggono sia la società umana che l’ambiente, lo spreco di cibo è la più terribile. Le famiglie statunitensi buttano via circa il 30% del loro cibo, del valore di 48 miliardi dollari ogni anno. Simili livelli di sprechi sono visti in Europa, anche se in quantità minori. La maggior parte di questo spreco finisce in discarica, dove si decompone ed emette metano, potente gas ad effetto serra. Alcuni esempi sono le patate, con 359.000 tonnellate non consumate ogni anno. Il pane e le mele le seguono, come carne e pesce, pari a oltre 160.000 tonnellate, seguite da 78.000 tonnellate di riso e pasta. Il costo annuo per i consumatori del solo Regno Unito di tutti questi rifiuti è di 10 miliardi di sterline e il costo per l’ambiente è l’equivalente di un supplemento di 15 milioni di tonnellate di CO2.

Tutti questi “crimini” vengono compiuti nel mondo Occidentale ogni giorno. Dunque prima di chiedervi cosa il mondo può fare per voi, chiedetevi cosa voi state facendo per il mondo.

Fonte: [New Scientist]

Stamperia Romana srl Industria Grafica Azzero CO2 per il 2009 - Stampato su carta riciclata con utilizzo di inchiostri EuPIA

 

 
12 Dicembre 100 Piazze per il Clima. Per Copenaghen in Bici PDF Stampa E-mail
Firma anche tu
I campi contrassegnati con un asterisco * sono obbligatori!
Grazie per averci dato il tuo supporto! Ci vediamo in piazza!

I suoi dati personali sono raccolti presso la banca dati elettronica di Undicidue S.r.l., nel rispetto dei principi stabiliti dal Codice della Privacy (D.lgs. n. 196/2003).

La gestione dei suoi dati, di cui le garantiamo la massima riservatezza, è effettuata al fine di poterla aggiornare sulle nostre iniziative.

I suoi dati personali non saranno comunicati o diffusi a terzi e Lei, in qualsiasi momento, potrà richiedere la modifica o la cancellazione a Undicidue S.r.l. scrivendo a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Visualizza l'elenco di chi ha già aderito.

Partecipa anche tu! Inserisci il nostro banner nel tuo sito!

oppure scarica i nostri MATERIALI CAMPAGNA

meno emissioni, più efficienza energetica, più energie rinnovabili.
Le 100 piazze

A breve sarà disponibile l'elenco delle 100 piazze.

 
<< Inizio < Prec. 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 Succ. > Fine >>

Pagina 222 di 232