Home Blog categoria
Esempio di aspetto di una categoria blog (Categoria FAQ/Generale)
DENUNCIAMO IL COMPORTANTE INCIVILE DI QUESTI PERSONAGGI CHE ACQUISTANO IN MODO ESAGERATO! PDF Stampa E-mail
Scritto da Santoni Maurizio   
Mercoledì 11 Marzo 2020 10:58
SCANDALOSO! I SUPERMERCATI "VISTE LE RICHIESTE ASSURDE DI PRODOTTI 3 CARRELLI DAVANTI AL MIO 19 LITRI DI LATTE! SPRECO DI PRODOTTI DI DENARO!"
HANNO AUMENTATO I
PREZZI!
COSA AVVENUTA ANCHE DAI COMMERCIANTI NEL TERREMOTO DELL'AQUILA
"HANNO RADDOPPIATO I PREZZI!
IL GOVERNO DOVREBBE IMPORRE ACQUISTI NON SUPERIORI A 3 UNITA' DI PRODOTTO!
DENUNCIAMO A TUTTE LE TRASMISSIONI TELEVISIVE! GIORNALI ETC...
 
MAURIZIO SANTONI
VIA GIROLAMO BENZONI 5
00154 ROMA
CELL. 3385708628
 
MAGNALONGA IN BICICLETTA 16 MAGGIO 2020. PDF Stampa E-mail
Scritto da Santoni Maurizio   
Sabato 07 Marzo 2020 07:03
Magnalonga in bicicletta: 16 maggio 2020 Leggi sul sito
   
Magnalonga circolare

Amiche e amici, nonostante il periodo complicato che il nostro paese sta vivendo, vorremmo provare a pensare ad altro e ad aggiornarvi sulla costruzione di un appuntamento che ci vede impegnati già da qualche mese: la nuova edizione della Magnalonga in bicicletta

L’iniziativa è programmata per il 16 maggio 2020 e quest’anno  sarà inserita in una tre giorni dedicata a economia civile e circolare, realizzata in collaborazione con l’Associazione di cooperazione e solidarietà internazionale LVIA nell'ambito del progetto Metti in Circolo il Cambiamento e con Legambiente, grazie al progetto ECCO - Economie Circolari di COmunità. Con Festambiente Mondi Possibili, che si svolgerà dal 15 al 17 maggio 2020 trasformeremo Roma nella capitale delle buone pratiche urbane.

Il festival si svolgerà, oltre che in giro per la città con Magnalonga, in quelli che stiamo cercando, non senza sforzi, di trasformare in veri e propri poli per l’economia circolare: il Ri-Hub di Via Salaria 971 all’ex cartiera Salaria e la Città dei Ragazzi. Nei tre giorni di incontri, laboratori, workshop e spettacoli racconteremo cosa significa fare oggi economia civile e circolare; presenteremo progetti di rigenerazione urbana e  inclusione sociale, realizzeremo mostre, attività per bambini e famiglie con uno sguardo sulla divulgazione scientifica in romanesco grazie a La Scienza Coatta.

Con la Magnalonga, come sempre, vogliamo anche parlare di turismo sostenibile, di mobilità intelligente, di progetti e di realtà virtuose, di volontariato e di associazioni, per dare il nostro piccolo contributo nella (complessa) lotta al cambiamento climatico.

Cerchiamo partners: produttori o distributori enogastronomici locali, operatori del biologico, artisti, musicisti e intrattenitori, aziende virtuose. Chiunque voglia sostenere la nostra manifestazione. Avete suggerimenti? Scriveteci a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. !

Nelle prossime settimane riceverete la data e l’orario esatto di apertura delle preiscrizioni sul sito. State all’erta!

Non sapete ancora cos’è la Magnalonga?

La Magnalonga in bicicletta, arrivata alla dodicesima edizione, è una passeggiata in bicicletta, non competitiva, con soste di degustazione. Si svolge una volta l’anno a Roma, a fine maggio. Il percorso della manifestazione è lungo circa 20 km, cambia ogni anno, ed è diviso in tappe durante le quali il gruppo dei 500 partecipanti sosta per assaggiare prodotti a km0 e biologici e per assistere a spettacoli e animazioni, o partecipare a workshop e dimostrazioni sportive.

La manifestazione è per noi un importantissimo veicolo di comunicazione per quanto riguarda i temi della mobilità leggera e della sostenibilità ambientale. Il progetto sostiene le tipicità e supporta la sana alimentazione e i produttori meritevoli italiani e del mondo, con la promozione del valore ambientale del “Km0” e del biologico; promuove l’uso della bicicletta in ambito urbano e valorizza i diversi sistemi di intermodalità; promuove il cicloturismo e la riscoperta lenta dei territori. Qui potete scoprire di più.

Foto e video delle passate edizioni
 

A prestissimo!

 
Perché crisi climatica, consumo del suolo, inquinamento e coronavirus sono legati a doppio filo PDF Stampa E-mail
Scritto da Santoni Maurizio   
Venerdì 28 Febbraio 2020 07:40

nologia

 
 

Perché crisi climatica, consumo del suolo, inquinamento e coronavirus sono legati a doppio filo

Inquinamento atmosferico a Shengfang, Cina. Reuters

In un rapporto del 2007 l’Organizzazione Mondiale della Sanità avvertiva che le infezioni virali, batteriche o da parassiti sono una delle minacce più consistenti in un Pianeta dove il rischio del cambiamento climatico si fa sempre più grave. Una minaccia che è diventata realtà proprio nei giorni dell’epidemia coronavirus.

 

La vera emergenza insomma, non è l’epidemia, ma il riscaldamento globale. Se non faremo qualcosa per fermarlo il futuro potrebbe presentarci malattie peggiori.

 

L’uomo abita una Terra che in realtà è abitata da altri organismi. Ma è evidente che se cambiano le temperature, l’aria, la pioggia, il suolo, gli equilibri vengono alterati. Va tenuto conto che ci sono miliardi di virus in circolazione, che hanno origini diverse”, dice Giuseppe Miserotti, medico e membro di Isde (Associazione medici per l’ambiente).

 

La maggior parte sono rimasti ospiti degli animali per secoli, se non per millenni, convivendo con loro in modo pacifico, visto che è loro interesse mantenere le vittime vive per poter non morire a loro volta. A causa di variazioni delle loro nicchie ecologiche però si possono spostare, e quando colonizzano un nuovo essere si comportano inizialmente in modo aggressivo.

 

Dagli anni Settanta nuove patologie sono apparse a un ritmo di una all’anno e ora sono 40 quelle che una generazione fa non si conoscevano. Per esempio l’uso dei pesticidi negli anni Sessanta ha fatto diminuire il numero dei vettori della malaria o della dengue nell’Africa sub sahariana, ma vent’anni dopo li ha fatti riemergere in altre zone.

Il sistema in cui siamo, dove l’interdipendenza e la connessione continua forniscono miriadi di opportunità per la diffusione di varie patologie, fa sì che si diffondano geograficamente a una velocità mai verificatasi prima nella storia. Tra le cause di diffusione l’Oms cita proprio il traffico aereo, che con oltre 2 miliardi di passeggeri permette di spargere un’epidemia in qualsiasi punto del mondo in poche ore.

Gli epidemiologi ritengono che il coronavirus si fermerà solo quando ogni persona infetterà meno di una persona a sua volta. Per ora il tasso di riproduzione in Cina è di 2,2, ma è migliorato: era 3,3. per questo motivo le misure prese in questi giorni in Italia sono le più corrette.

Le condizioni ambientali sono determinanti. Basta guardare all‘influenza, che approfitta dell’umidità dell’aria perché gli permette di sopravvivere più a lungo fuori dall’ospite.
Sebbene non si abbiano dati sul coronavirus, in generale alcuni esperti ritengono che mentre il caldo favorisca la crescita e la sopravvivenza, anche la pioggia potrebbe influenzare il trasporto e la disseminazione. Ma mentre l‘influenza di solito diventa meno aggressiva in estate, la stessa cosa non si può dire per il coronavirus, anche perché la Cina è grande e nel sud il clima è già primaverile.

I virus, essendo patogeni obbligati, che non vivono senza le cellule animali, sono naturalmente predisposti a cercare sempre nuovi ospiti. Ma noi gli staremmo spianando la strada.

Le variazioni di pioggia e umidità, il riscaldamento, cambiano le interazioni tra le diverse componenti biologiche. Una prova è proprio il coronavirus, che ha fatto un salto di specie, passando dal pipistrello a noi, come per altro hanno fatto anche altre affezioni”, spiega Miserotti.

Grazie all’effetto serra i morbi posso trovare nuove ospitalità. La temperatura corporea dei pipistrelli è più alta della nostra, è di circa 40 gradi. Questo li protegge dagli effetti dei virus di cui sono portatori sani. Ma è chiaro che se il corpo umano a causa del calore ambientale diventa un luogo interessante, gli effetti sono diversi.

Un clima più tiepido e inverni più corti sicuramente avvantaggiano per esempio le zanzare e i topi, che possono rimanere più a lungo attivi, possono viaggiare più lontano e raggiungere nuovi posti dove le difese non sono ancora state sviluppate. Gli animali sono un problema, una riserva naturale di germi di vario genere. Il 75 per cento dei malanni che sono emersi nelle ultime decadi erano zoonosi, ovvero trasmesse da animali agli uomini.

Il cambiamento climatico e l’urbanizzazione infatti, modificano gli ambienti e impongono traslochi. E anche gli animali si avvicinano di più alle aree urbane, aumentando il rischio di contatto.

Le alte temperature interagiscono anche con il nostro sistema immunitario.

Il nostro corpo ha sistemi raffinati che lo regolano in modo che possa bloccare ogni invasione. Infatti quando ci ammaliamo ci viene la febbre, che stimola il sistema immunitario e rende difficile la sopravvivenza all’ospite indesiderato. Per questo non dovremmo prendere gli antifebbrili”, spiega Miserotti.

Se però fa sempre più caldo, si adattano e diventano più resistenti.

I cambiamenti climatici determinano, proprio come una reazione a catena, una serie di effetti collaterali sui fattori biologici: la migrazione di animali, l’adattamento a climi differenti, il successivo adattamento dei patogeni e, di conseguenza, la loro maggiore diffusione territoriale. L’Oms ritiene che una delle più grandi conseguenze del cambiamento climatico sarà proprio l’alterazione dei processi di trasmissione di malattie infettive.

Gli effetti microbiologici potrebbero essere preoccupanti. Il nostro colon non è solo un contenitore per le feci, ma una macchina straordinaria che ospita milioni di batteri che, oltre a produrre serotonina, controllano la nostra digestione e ci proteggono contro le infezioni. Ma se la microbiologia del suolo viene alterata, cambierà anche quella del nostro intestino”, dice Miserotti.

Un gruppo di ricercatori cinesi che ha studiato i rischi provocati dalle polveri sottili ha scoperto che sono responsabili di molte allergie ma anche di problemi respiratori. Possono infatti ospitare molti microganismi, inclusi batteri, funghi e virus, che in genere provengono dal suolo.

E’ vero che le epidemie in genere sono dovute a condizioni particolari, ma abbiamo alterato equilibri naturali molto delicati, che la natura era stata in grado di mantenere per migliaia di anni, senza renderci conto che noi appartenevamo a tutto questo. Il risultato è che avendo compromesso l’autoregolazione dei sistemi naturali, ci siamo messi in una situazione pericolosa.

La distruzione della biodiversità è stata per esempio un grave errore, perché era il miglior sistema di controllo reciproco tra le diverse dimensioni biologiche.

“Nel nostro genoma ci sono tracce di antiche convivenze. Ma alla rapidità dei cambiamenti attuali, che noi stessi abbiamo provocato, non siamo preparati”, conclude Miserotti.

Un effetto il coronavirus lo ha avuto. Secondo il Center for Research on energy and clean air, un ente che produce dati sull’inquinamento, le emissioni cinesi si sono ridotte di un quarto. E analisi dell’Iea (International Energy Agency) e dell’Opec, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, il consumo dei fossili potrebbe dimezzarsi. L’ipotesi di Gaia ideata dal chimico James Lovelock, che risale al 1972, sosteneva che la vita è basata sull’omeostasi, ovvero il mantenimento di valori costanti. Il che significa che se l’equilibrio si altera, qualcosa subentra per regolarlo. Non essendo noi capaci di farlo, il Pianeta ci pensa da solo.

 
COME IL CORONAVIRUS STA METTENDO IL BASTONE TRA LE RUOTE AL MERCATO DELLA BICI. PDF Stampa E-mail
Scritto da Santoni Maurizio   
Martedì 25 Febbraio 2020 17:24
 
 
 
Come il Coronavirus sta mettendo i bastoni tra le ruote al mercato della biciMETTENDO I BASTONI TRA LE RUOTE AL MERCATO DELLA BICI.

La Cina svolge un ruolo di fondamentale importanza nel settore delle biciclette per le sue capacità di produzione di telai, componenti e accessori.
 
 
 
 
 
La scelta di creare Cyclando è nata da un’idea precisa: usare la tecnologia per rendere più accessibile a tutti il mondo del cicloturismo.
 
 
 
 
 
L’ospite della puntata n°10 dei Bikeitalia Talks è Dario Colombo. Dario è un ingegnere e telaista e con il marchio Bice produce telai su misura in acciaio.
 
 
 
 
 
BikeSquare è la startup che permette di avvicinarsi a un nuovo territorio in maniera slow e sostenibile in sella ad una bici elettrica.
 
 

Salute

 
 
 
 
Ciclismo indoor sempre più interattivo: la realtà virtuale ci sta allontanando dalla strada?
 
 
 
 
 
L’allenamento della forza è una delle componenti principali per il ciclista. 
 
 
 
 
 

NUOVE DATE!
Il corso è pensato per chi vuole trasformare la propria idea e passione in un’attività professionale, con un taglio pratico e operativo in ogni parte del corso. Scopri di più
 
 
 
 
 
Un corsista masterclass su 3 è già riuscito a coronare il proprio sogno: aprire un'attività legata al mondo della bici.
 
 
 
 

Mobilità

Iscriviti
 
 
 
 
 
Dopo un anno di lezioni frontali che hanno formato oltre 100 persone sui temi della mobilità ciclistica, il nostro corso di formazione “Realizzare la Città delle Biciclette” diventa online.
 
 
 
 
 
Come avvengono i furti di biciclette, quali sono le tipologie di parcheggi migliori, dove è bene collocare una rastrelliera e alcune indicazioni su soluzioni come velostazioni e cycle hub.
Tutto in un ebook gratuito.
 
 
 
 
 
Una ricerca dell’Università di Portland ha analizzato diverse soluzioni per realizzare delle infrastrutture ciclabili che garantiscano comfort e sicurezza anche in prossimità degli incroci, ovvero i “punti caldi” della rete stradale. 
 
 

Viaggiare

 
 
 
 
Per staccare la spina e trascorrere un weekend in mountain bike lontano dallo stress quotidiano.
 
 
 
 
 
21 marzo 2020 |  Milano
 
 
 
 
 
28-29  marzo 2020 |  Milano
 
SCOPRI I CORSI BIKEITALIA - NUOVE DATE
Bikeitalia.it è una testata giornalistica online edita da Bikenomist srl.
     
Via San Martino 5 , 20900 Monza
Copyright © 2020 all rights reserved.
bikeitalia.it | Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. | 039 894 7423
 
SERATA DI SOLIDARIETA' PER I BAMBINI MALNUTRITI DEL BURKINA FASO. DOMENICA 29 MARZO. PDF Stampa E-mail
Scritto da Santoni Maurizio   
Martedì 25 Febbraio 2020 11:03

 

WWW.OASISENZOMISSONI.ORG

TORNEO DI BURRACO SOLIDALE

 

 

 

 

 

Domenica 29 marzo dalle ore 16.00 presso il Ristorante Appio Claudio

in Via Vallericcia 11 ( Quarto Miglio).

Iniziativa di solidarietà a favore del Centro Oasis di Enzo Missoni per i bimbi malnutriti del Burkina Faso.

 

 

 

Programma

 

 

Ore 16.00 formazione tavoli. Organizzato da Maurizio Rinaldis.

Ore 16.30 inizio partite (tre mani da tre partite)

Ore 20.00 Cena con Antipasto, 2 mezzi primi ,Patate al forno, insalata, Dolce, Vino e acqua.

A seguire proclamazione vincitori e distribuzione ricchi premi. Con Nicolino Colantoni e Morena Santoni.

Ore 22.00 Balli di gruppo fino alla fine della Serata con Roberto Lagana’. E Maestro Angelo Greca.

 

 

 

 

Per partecipare inviare e-mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o telefonare al 3385708628 (Maurizio) o 3280135856 (Giovanna) 3473360920 . indicando nome e cognome dei partecipanti entro giovedì 26 marzo..

 

Costi: 30 euro a persona .

Solo burraco 10 euro.

Potete partecipare alla serata anche se non giocate a burraco.

 

VI ASPETTIAMO NUMEROSI

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 242